Scuola e raccolta sangue, diminuiscono i maturandi ma non le donazioni

(Comunicato) Lunedì 21 Gennaio: Sant’Agnese. Circa diciotto anni fa, con la sottoscrizione di un’apposita convenzione tra la Direzione scolastica dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Isa Conti” di Lipari ed i Dirigenti dell’AVIS Comunale di Lipari fu stabilito che, negli anni a venire, questo giorno sarebbe stato dedicato alla donazione del sangue.
Il progetto “AVIS SCUOLA – 1^ Donazione” proposto dall’Associazione, entrava nel programma e nel progetto scolastico denominato “Educazione alla salute” e così, sin d’allora, il 21 Gennaio di ogni anno i Dirigenti dell’AVIS di Lipari incontrano gli studenti diciottenni dell’Isa Conti per parlare del sangue; questo importante componente del corpo umano che, quando serve, può essere reperito solo attraverso la donazione.

L’importante protocollo d’intesa AVIS-Scuola ha prodotto una serie di iniziative, dall’una e dall’altra parte, che hanno arricchito ed impreziosito il progetto socio-culturale; così che la “donazione di sangue” e entrata a far parte del programma didattico; lo studente che si reca a donare sangue non viene considerato assente giustificato, ma “presente a riposo per donazione sangue”; gli studenti che aderiscono al progetto viene riconosciuto il credito formativo e concorrono alle Borse di Studio (2) istituite dall’AVIS di Lipari.

Anche quest’anno l’argomento trattato, tragico nel bisogno, maledettamente attuale e senza soluzione di continuità, da subito ha colpito l’interesse dei giovani studenti eoliani, evidenziando una sensibilità d’animo ed una disponibilità non comune nei pari età fuori dalle nostre isole.

Proprio le caratteristiche anzidette hanno annullato l’handicap di una popolazione scolastica maturanda notevolmente diminuita rispetto agli anni precedenti (dai 100/115 circa del primo decennio del nuovo secolo, ai 68 di quest’anno), facendo registrare una massiccia adesione alla “1^ donazione” (24 su 68 – circa il 36%) e, dopo gli esami di rito, l’idoneità riconosciuta a tutti; un risultato che la dice lunga sulla integrità fisica dei nostri giovani.
Una integrità che tutti, non solo la nostra Associazione, siamo chiamati a tutelare con ogni mezzo; ad incentivare con iniziative mirate; affinché emerga sempre e comunque l’eccellenza dei giovani eoliani.

Dalla Segreteria dell’AVIS di Lipari – Giovanni Biviano

Share