Tarnav collegamenti veloci

Scuola: alle Eolie mancano gli insegnanti…eoliani che vogliono rientrare

da orizzontescuola.it

Alle Eolie mancano gli insegnanti e otto eoliani sono costretti da anni a “peregrinare” al nord Italia per lavorare: quattro docenti alla primaria e quattro alle superiori.
Una docente è lontana da casa da 14 anni e, nonostante la carenza di docenti che vi è soprattutto nelle isole minori, non riesce a rientrare.

E’ per questo che il sindaco Marco Giorgianni recentemente al premier Paolo Gentiloni e al ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli ha richiesto una deroga per la scuola nelle isole minori e la priorità di rientro per i docenti residenti in questi arcipelaghi.

Raffaella Campo copia

“La situazione nella quale ci troviamo è davvero paradossale – racconta alla stampa Graziella Bonica di Filicudi che insegna a Radicofani, un paesino di montagna in provincia di Siena – le nostre scuole scioperano per mancanza di organico, e noi, insegnanti e madri eoliane chiamate a 1000 e 1500 km di distanza dalla nostra terra a insegnare ad alunni di altre città. Con dispendio di energie, economico e familiare senza pari”.

foto miriam 2

“Provo rabbia – aggiunge la docente – e stupore vedendo che nella pluriclasse in cui insegno in un paese di montagna, per 34 bambini, ci sono circa 9 insegnanti, tra sostegno, prevalenti, inglese e religione. E mi chiedo: ma che male hanno fatto i bimbi delle Eolie per scontare siffatta ingiustizia? Perché hanno una sola insegnante le pluriclasse delle isole? O peggio: perché sono costretti a lasciare la propria scuola per andare a Milazzo o altrove? Il diritto allo studio è nazionale. Mettano mense e tempo pieno”.

0001

Share