Sanità : l’assessore De Luca ricorda al presidente Musumeci e all’assessore Razza gli impegni non mantenuti

Al Presidente della Regione Siciliana
Dott. Musumeci

All’Assessore alla Salute Regione Siciliana
Dott. Razza

Al Direttore Generale dell’Asp Messina
Dott. Sirna

 

La presidente Tiziana De Luca

L’assessore Tiziana De Luca

OGGETTO: Criticità situazione sanitaria Isole Eolie – Presidio Ospedaliero di Lipari / Presidi di continuità assistenziale

L’Amministrazione comunale di Lipari unitamente al Consiglio Comunale ha approvato e condiviso un documento sulla situazione sanitaria delle Isole Eolie rappresentandola in un quadro ricognitivo di priorità ed emergenze a marzo 2018 che è stato inviato a tutti gli indirizzi in missiva, eccezion fatta per Sua Eccellenza il Prefetto di Messina, a cui lo inviamo adesso;

in data 24 Maggio, su richiesta dell’Amministrazione municipale, si è tenuto un incontro all’Assessorato regionale alla Salute indetto dall’Assessore Razza alla presenza di vari rappresentanti del Comune di Lipari, della Regione, dell’Asp Messina e del 118 per manifestare le gravi carenze e problematiche dell’Ospedale di Lipari in termini di mancanza di organico e di standard di sicurezza a cui sono seguiti una serie di impegni da intraprendere che sono stati, a distanza di oltre 2 mesi, assolutamente disattesi e che di seguito elenco:

Istituzione di un TAVOLO TECNICO DI MONITORAGGIO DELLE ISOLE MINORI da parte dell’Assessore Razza, con apposito Decreto, da riunirsi trimestralmente, il cui primo incontro avrebbe dovuto tenersi a fine giugno 2018 DISATTESO
Invio da parte dell’Asp Messina del 2° Cardiologo in loco per assicurare la normale reperibilità ma soprattutto per le emergenze cardiologiche : ne è stato inviato uno con un progetto obiettivo ma a turnazione per cui il cardiologo sull’Isola è sempre uno. DISATTESO
L’Asp Messina aveva assicurato che avrebbe avviato i concorsi entro fine giugno 2018 per integrare le figure mancanti in Pianta Organica del 2° ORTOPEDICO E DEL 2° GINECOLOGO, per assicurare soprattutto quest’ultimo le urgenze ostetrico-ginecologiche DISATTESO
Il PERSONALE INFERMIERISTICO, già fortemente ridotto rispetto al numero previsto in Pianta Organica (da 55 risulterebbero circa 35), ha continuato a diminuire per pensionamenti per cui sono aumentati sia i turni sia il carico di lavoro a discapito del lavoratore e del servizio all’utenza e non sono stati integrati; DISATTESO
Avrebbe già dovuto essere stato firmato il Protocollo di intesa fra 118, Aeronautica Militare e Ministero della Marina, alla presenza del Prefetto, per affrontare la peculiarità territoriale che ha visto l’Elisoccorso non poter raggiungere l’Arcipelago per condizioni meteo marine avverse a fronte delle quali non sono stati effettuati i dovuti trasferimenti dei pazienti in strutture di altro Livello; DISATTESO
L’Asp Messina aveva preso l’impegno, entro la scadenza della proroga di chiusura del PPI PEDIATRICO di Lipari (31 luglio 2018), di istituzionalizzare in maniera definitiva il Punto di primo intervento pediatrico, che registra oltre 1500 accessi l’anno; DISATTESO
Invio NUOVO ECOGRAFO (avrebbe dovuto essere fatta la gara) DISATTESO
Fine dei LAVORI DI ADEGUAMENTO SISMICO NELLA STRUTTURA DEL P.O. DI LIPARI 30 Giugno 2018 DISATTESO
Attivazione LUNGODEGENZA come da Pianta Organica , che permetterebbe l’invio di personale medico in loco e la turnazione notturna nei reparti, ad oggi disattesa ed a carico del personale reperibile o del Pronto Soccorso. DISATTESO

Altresì apprendiamo la notizia da parte del Direttore Sindoni circa l’assegnazione di un Dirigente Medico del Pronto Soccorso di Lipari a Milazzo per il mese di Agosto per cui la Pianta Organica, che ne prevede 7, sarebbe di fatto ridotta a 4, in piena stagione turistica in cui i medici del 118 sono distratti oltremodo da un aumentato bacino d’utenza, per cui, chiediamo all’Asp Messina la non realizzazione di un simile provvedimento per non pregiudicare ulteriormente una condizione che non assicura assolutamente, come quanto affermato dall’Asp Messina, un livello di assistenza adeguato.

Medici e sanitari dell’Ospedale di Lipari e dei Presidi di continuità assistenziale delle Isole minori fanno sacrifici enormi per assicurare l’Assistenza ma inascoltate sono rimaste le nostre richieste di aiuto e non rispettato risulta quanto previsto dal D.M. 70/2015 che definisce standard e dotazioni organiche nelle Zone Disagiate come Lipari.

Non possiamo più accettare questa continua mortificazione dei Diritti nei confronti della Cittadinanza Eoliana, che rischia la vita ogni giorno e che tenta di sopravvivere malgrado l’apparente indifferenza delle Istituzioni di riferimento.

Noi viviamo di Turismo e la condizione di incertezza che coinvolge i residenti penalizza anche i nostri ospiti stagionali che spesso modificano la loro scelta di vacanza per altre mete più stabili e sicure dal punto di vista sanitario.

Per le ragioni sopra espresse e per quanto sopra elencato in termini di impegni disattesi

CHIEDIAMO

Un riscontro immediato alle istanze sopra evidenziate ed una risposta scritta, così come prevedono le vigenti disposizioni di Legge.

Se le nostre doglianze saranno ulteriormente disattese e non si instaurerà un canale di comunicazione fra il Comune, quale massima autorità sanitaria locale, e l’Asp Messina saremo costretti a rivolgerci al Prefetto ed al Ministero per quanto di loro competenza.

Si ringrazia per l’Attenzione e si resta in attesa di positivo riscontro.

Cordiali saluti.

Lipari, 31 Luglio 2018

L’Assessore ai servizi socio sanitari Tiziana De Luca

0001

Share