Tarnav collegamenti veloci

Rifiuti speciali per le strade invece che nell’area di raccolta di Canneto

foto cassonetti coscione

Riceviamo da Francesco Coscione e pubblichiamo

Le immagini parlano ma forse hanno bisogno di una didascalia. La ruspa comunale, segno della presenza istituzionale sul territorio; i cassonetti forse quantitativamente e qualitativamente inadeguati alle esigenze attuali; la vergogna senza fine di incivili che continuano a pensare che il mio salotto sia la loro pattumiera.
Spero che il mezzo del Comune, tanto giudicato e bistrattato in periodo elettorale, continui il suo lavoro anche adesso. Diciamo ciò che facciamo, non è affatto opportuno usare una malcelata umiltà da parte dell’ amministrazione: i cittadini vogliamo sapere ciò che avviene, se è stata pulita una strada ci fa piacere venirne a conoscenza, soprattutto adesso che si sono spente le luci. Dall’ altra parte, chi si trova la strada pulita, lo scriva sui social e sui giornali, altrimenti il non parlare adesso si che diventa strumentalizzazione.

Infine, oltre a ricordare fino al fastidio, che esiste un servizio di raccolta dei rifiuti ferrosi, ecc. a Canneto dentro aperto tutte le mattine dal lunedì al venerdi, vorrei capire perchè alcuni caricano una lavatrice in auto e, invece di arrivare a Canneto, la scaricano vicino al cassonetto. E’ una cosa per me incomprensibile. Lancio una pietra nello stagno: forse sotto c’è qualcos’altro? Forse tale gesto non è solo incivile ma programmato? Forse serve a qualcuno? Forse sfogano così la loro totale incapacità di un vivere sociale pulito e corretto?

Non so se ci saranno risposte, quello che so è che io, e molti altri, siamo stanchi di trovare l’ altrui “monnezza” nel salotto di casa nostra. O esiste ancora qualcuno che pensa di poter fare ciò che vuole? Si? Queste sono le basi del vivere civile. Non si tratta di accogliere bene o male il turista, io, noi, qui ci viviamo tutto l’ anno!!! Io parlo di questo, e naturalmente di molto altro, quando dico di svegliare la nostra coscienza civile. Stanco di questi discorsi lo sono ma scoraggiato no, credo nelle persone e nella nostra civiltà.
Buona Domenica

Francesco Coscione

Share