Tarnav collegamenti veloci

Recuperata la ” Valle dei Mostri”

di Gustavo Conti

Vulcano: il risveglio dei Mostri

gustavo contiLa Geoterme Vulcano S. r. l. nel corso degli ultimi anni ha intrapreso, in collaborazione con l’associazione locale “Vivi Vulcano”, un’attività di recupero e valorizzazione di aree di notevole interesse naturalistico/ambientale nell’isola di Vulcano cadute in totale stato di abbandono con l’ottica di una ritrovata fruibilità da parte dei visitatori.

Già da questa estate si è ridato “respiro” alla rinomata “Valle dei Mostri” sita in località Vulcanello, famosa per le formazioni laviche zoomorfe immerse in una vallata di sabbia nera cristallina, che da decenni aveva snaturato il suo originario aspetto a causa della crescita incontrollata di arbusti che avevano occultato la sua naturale caratteristica e bellezza; i turisti che si recavano sui luoghi per ammirare le caratteristiche formazioni laviche, delusi, l’avevano ribattezzato la “Valle delle Ginestre”.

La Geoterme Vulcano s.r.l., in più riprese e con un’accurata scelta degli interventi da effettuare, ha reso nuovamente visibili le caratteristiche formazioni laviche e ripulito dai rifiuti abbandonati dai soliti avventori non rispettosi dell’ambiente. Si è potuto così, grazie a tale attività, ammirare l’area nella sua selvaggia bellezza e fotografarla da parte di chi è alla ricerca delle unicità dell’isola di Vulcano.

Posidonio Rodio descrive, in maniera suggestiva, l’eruzione submarina che nel 183 a.C. formò Vulcanello: unico vulcano delle Isole Eolie ad essere emerso dalle acque in epoca storica. Esso è rimasto un’isola fino al formarsi dell’istmo sabbioso, nel corso del 1.500, dovuto all’accumulo di lave, detriti piroclastici e ceneri vulcaniche, che lo hanno unito al resto dell’isola di Vulcano.

valle-mostri

I tre centri eruttivi che hanno creato Vulcanello, hanno prodotto le copiose emissioni laviche che hanno formato tutt’attorno una piattaforma a forma di disco protesa verso il resto dell’Isola, costituito principalmente dalle caratteristiche lave trachitiche e tefritiche di colore rosso mattone dette “a corda” o “a budella” per la tipica forma a onde della parte superficiale, dovuta alla viscosità della lava emessa.

La cosiddetta Valle dei Mostri è proprio il frutto del gioco di forme che la natura ha voluto dare alle lave, emergenti dalla distesa di sottilissima sabbia nera, in cui la fantasia di ognuno può individuare mostri, belve feroci e figure inquietanti.

Share