frecciA Mditerraneo6 agosto 1988

Tragedia in mare

 E’ un mistero”, questa era la frase prevalente sulla bocca degli eoliani nel commentare la tragedia del 6 agosto 1988. Cosa era successo nel corso della notte tra il 6 ed il 7 agosto? come era potuta accadere la sciagura che era costata la vita a quattro dei sei occupanti una piccola barca da diporto, speronata da un aliscafo al largo di Punta Castagna a Lipari?

Mistero confermato il giorno successivo con l’avvio dell’inchiesta, aperta subito dopo l’incidente dal pretore di Lipari Salvatore Daidone, che aveva trascorso tutta la mattinata fra le banchine del porto di Marina Corta, la caserma dei carabinieri e Canneto per stabilire come l’incidente si era potuto verificare, e se c’erano responsabilità. Il  magistrato nominò dei periti incaricati di svolgere una serie di accertamenti sia sullo scafo di linea, sia sui resti della piccola imbarcazione speronata. Sempre nella mattinata del 7 agosto due sommozzatori dei carabinieri si erano calati sotto il «Freccia del Mediterraneo» per ispezionarne la chiglia. Fra gli alettoni e le eliche, trovarono pezzi di vetroresina della piccola imbarcazione, una corda, l’ancora, lenze e altri oggetti dei sei pescatori.

Il mistero, in particolare, era rappresentato anche dalla mancata reazione dei cinque uomini di equipaggio dell’aliscafo, comandante compreso, che non si erano accorti di nulla fin quando l’aliscafo non aveva travolto la barca.

A sentire Antonino C., 37 anni, a capo della «Freccia del Mediterraneo», sul radar non c’era assolutamente nulla e davanti a loro – complice anche l’oscurità della notte senza luna – la rotta era libera. La piccola imbarcazione, 5 metri appena, e un motore fuoribordo di 20 cavalli, era completamente al buio.

L’aliscafo era piombato al centro della barca, travolgendo coloro che si trovavano in quel punto, Giuseppe Caponnetto, 39 anni, la figlia Stefania, di 14, Carlo Zaia, di 24, e Luigi Scoglio, 22 anni. Quest’ultimo risulterà disperso. Le squadre di soccorso, formate sia da motovedette ed elicotteri delle forze dell’ordine, sia da volontari, pescatori ed amici delle vittime, lo cercheranno ininterrottamente dalla sera della sciagura, dopo le 22,15. Ma non c’era nessuna speranza di trovarlo in vita.

L’8 agosto, a Canneto si svolgono i funerali delle tre vittime recuperate, in una Lipari sotto choc, nella quale era stato proclamato dal sindaco Annalisa Leone il lutto cittadino. Migliaia di persone hanno affollato l’interno e il sagrato della chiesa di San Cristoforo. Scene di commozione e di rabbia, specie quando il vescovo ausiliario di Messina, Domenico Amoroso, ha pronunciato l’omelia. L’intero arcipelago delle Eolie, per l’occasione, si è fermato.