filippo de pasquale4 giugno 1887

Filippo De Pasquale

Filippo De Pasquale, avvocato, era nato a Lipari nel 1810. Deputato al Primo Parlamento di Sicilia. Amico di Garibaldi, resse l’amministrazione Mangione e Ficurra a Palermo e susseguentemente quella dei Beni di Casa Reale. Letterato eminente e versato negli studi storici e filosofici, scrisse, tra l’altro, una storia di Lipari andata purtroppo perduta. Fondò una fattoria enologica conseguendo premi ambiti in Italia e all’Estero. Ricopre la carica di Sindaco di Lipari in due mandati, il 1° dal 8 novembre 1867 al 3 gennaio 1870, nel corso del quale ottiene la bicorsa settimanale da e per Messina.

Nel corso del 2° mandato, dal 6 febbraio 1876 all’aprile 1882 si installò il telegrafo con cavo sottomarino. Nel corso del 1879, diede in concessione al Dott. Francesco Genovesi di Messina, per 20 anni, con un canone di Lire 500 all’anno, lo stabilimento termale di San Calogero. La sua amministrazione, nel corso del 1881, adottò dei provvedimenti contro la fillossera.

Filippo De Pasquale muore a Lipari, il 4 giugno 1887, alle 23,20 nella propria abitazione. Il consiglio Comunale si riunì in seduta straordinaria il giorno successivo alle 20, L’ordine del giorno: Onoranze funebri al defunto Cav. Ufficiale De Pasquale Filippo. (..) “Il sindaco (Ferdinando Pajno) annunzia al Consiglio che ieri notte alle 11 e 20 cessava di vivere nella sua casa di abitazione il Cav. Ufficiale Sig. Filippo De Pasquale e ne commemora la vita che lo rese benemerito al Paese, sia come cittadino per gli alti uffici sostenuti, sia come Capo più volte di questo  Municipio, avendo il Cav. De Pasquale con la sua mente elevata, col suo carattere integro, col suo amore per la terra nativa dedicato l’intera vita a difesa e sostegno degli interessi di questa isola. A nome quindi della Giunta in segno di gratitudine verso l’estinto, di cui il paese ne compiange la perdita, propone che i funerali gli siano fatti a cura e spese del Municipio con l’intervento dell’intero Consiglio Comunale e che un mezzo busto in marmo sia collocato nell’aula consiliare. Il consigliere Picone propone anche che una lapide sia posta in Piazza del Commercio sulla casa De Pasquale.

Il consiglio associandosi alle nobili parole del Sindaco sulle virtù del compianto Cav. Uff. Sig. Filippo De Pasquale chiede al Sindaco di esternare alla famiglia De Pasquale i sensi di condoglianza a nome del Consiglio per tanta perdita  che colpisce l’intero Paese; e delibera ad unanimità di voti che i funerali al Cav. De Pasquale siano fatti a cura e spese del Municipio con l’intervento della Civica Rappresentanza; che un mezzo busto in marmo sia posto nell’aula consiliare a perpetuarne la memoria ed una lapide collocarsi in Piazza del Commercio sulla casa De Pasquale.

In ultimo il Presidente comunica al Consiglio due telegrammi di condoglianza, l’uno dell’On.Le Marchese di Sant’Onofrio che delega il Sindaco a rappresentarlo nei funerali del Cav. De Pasquale, e l’altro del Sindaco di Salina che partecipa aver delegato il direttore della Colonia a rappresentare quel Comune.”

Fu detto di lui: “Il più cavaliere dei gentiluomini Liparesi. Enologo distinto, geologo, numismatico e nelle dottrine sociali erudito, nulla tralasciò perché gli interessi del proprio paese fossero sempre garantiti, lottando a viso aperto, contro chiunque avesse tentato di manometterli. (dal Discorso funebre di G. B. Caserta , pronunciato il 7.6.1887).

Nell’epigrafe del monumento a Don Filippo De Pasquale, leggiamo: “Promotore nel 1842 della abolizione delle decime vescovili”.