Tarnav collegamenti veloci

Pesca e problema delfini: sperimentazione dissuasori ma anche richiesta di calamità ambientale

delfini

Lipari- Da aprile, per quattro mesi, partirà la sperimentazione di moderni dissuasori per allontanare i delfini dal pescato; contestualmente, visti i danni già sostenuti, partirà la richiesta di calamità ambientale , prevista anche dal Feamp ( fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) per aiutare economicamente i pescatori in questo difficile momento. Un momento a dir poco drammatico se si considera che sulle 120 barche rimaste alle Eolie, 60 si dedicano alla piccola pesca costiera che non produce più reddito anche, e soprattutto, a causa del problema delfini . Un problema vecchio che negli ultimi 20 anni è andato peggiorando.  ” Di questo passo – avvertono gli operatori- vendere un kg di totani sarà improbabile: già non se ne trovano perchè vengono mangiati dai delfini ma quei pochi che saranno pescati saranno venduti a prezzi insostenibili per una famiglia “.

D’Anieri & C. ( C.so Vitt. Emanuele): tantissime offerte fino al 29 marzo

Serrato confronto sul problema questa mattina, come già annunciato, al palacongressi su iniziativa del consorzio CO.GE.PA.  All’incontro ha partecipato anche la biologa marina Monica Blasi della ” Filicudi Wildlife Conservation” che dal 2004 gestisce tutti i progetti di conservazione sui cetacei e le tartarughe marine nell’arcipelago  grazie alla quale saranno sperimentate le nuove apparecchiature. L’intervento sarà possibile – come annunciato dalla dott.ssa Federica Tesoriero – grazie anche all’Aeolian Preservation Fund insieme a Blue Marine Foundation che hanno finanziato il progetto . Il CO.GE.PA. però farà partire la richiesta di calamità ambientale perchè i pescatori da un pò di tempo portano a casa solo danni e la stessa marineria potrebbe scioperare, per richiamare l’attenzione sul problema, per alcuni giorni.

 

liberty ban

 

Share