Ok del Consiglio all’associazione tra comuni per i fondi residui dei Patti Territoriali

il Consiglio comunale di Lipari

il Consiglio comunale di Lipari

Lipari- Via libera del Consiglio comunale , riunitosi questa mattina, ad un’associazione tra i comuni eoliani rientranti nel patto territoriale generalista e in quello agricolo delle Eolie per ottenere i fondi non spesi e, ammontanti, dalla rimodulazione , ad oltre dieci milioni di euro da investire in opere pubbliche sul territorio. Con la prima tranche di oltre 2 milioni di euro il Comune di Lipari, com’è noto, intende realizzare le aree di trasferenza dei rifiuti in ogni isola.

Quella dell’associazione era l’unica soluzione, prevista dalla legge, e, quindi, praticabile per non perdere i fondi ancora a disposizione dal momento che i comuni si sono opposti alla messa in bonis (dalle perdite per oltre mezzo milione )attraverso la ricapitalizzazione e anche perchè la legge sulla stabilità prevede la chiusura delle piccole società partecipate. Durante il Consiglio , Antonio Casilli ha incalzato il sindaco Marco Giorgianni, ricordando una interrogazione dello scorso 29 maggio, scaturita dopo le dichiarazioni al Giornale di Lipari dal dott. Gino Amato, liquidatore di Sviluppo Eolie srl.

Casilli, il quale sostiene , come altri consiglieri ( anche se Nuccio Russo ha rimarcato che possono fallire) che devono essere perseguite le responsabilità amministrative e che  le perdite accumulate da queste società dovranno in futuro essere ripianate dai comuni ha fatto rilevare  come , da dichiarazioni di Amato, ” nessuna opera è stata collaudata e chiusa a saldo”. Il Sindaco, da parte sua, ha rivendicato che è stata la sua Amministrazione a mettere in liquidazione le società. ”  Ma non va fatto inutile terrorismo quanto – ha osservato- attendere la conclusione dell’iter sulla liquidazione in corso per stabilire le responsabilità “.

Share