” ‘Ncuntravu u Signuri ! “

Giovanni Giardina interpreta una poesia di  Ignazio Buttitta, uno dei più grandi poeti dialettali siciliani

Ignazio Buttitta

Bagheria (PA) 19/09/1899 – 05/04/1997

ignazio ButtittaUno dei più grandi poeti dialettali siciliani contemporanei, l’unico poeta italiano a cui un editore prestigioso come Feltrinelli ha dato ampio spazio. Nessun poeta vernacolare (in tutto il mondo) fino ai nostri giorni ha pubblicato cinque volumi con un editore di questo calibro.

Autodidatta, egli si serve della cronaca per esprimere le problematiche e le aspirazioni sociali del proletariato. La poesia di Ignazio Buttitta traduce in versi un secolo di storia sociale, politica ed intellettuale della Sicilia.

Visse in prima linea: le lotte contadine, le due guerre, l’antifascismo, la lotta contro la mafia e la classe politica post-bellica

‘Ncuntravu u Signuri !

                                             ‘Ncuntràvu u Signuri pa strata e ci dissi:

’Un  t’affrunti a caminàri  scausu ?

Era stancu, l’ossa rusicàti da camula ,

a tonaca sfardàta e a vucca sicca e circàva  acqua;

Facìa  pietàti a vidillu!

Ma pinzannu a chiddu chi nni fici,

pu piaciri di mittirinni o munnu,

e vidirinni, arrubbari,odiari ,assicutàri  i dinari

e godiri du mali di l’autri;

Vi dicu a virità: ……‘Un mi spuntò na lacrima !

E facìa ‘mprissioni, un picciottu di trentatrianni

beddu , iautu, ussutu ,

cu l’occhi di ova di palumma figghiati ‘nta pagghia.

Facìa ‘mprissioni dda taliatùra d’omu ca trasèva

‘nto cori cumu  cu ventu   di ciatu,

‘nto cori cumme  lingua d’agneddu  e capricchi di matri.

Ma  pinsannu  a chiddu chi nni fici,

pu piaciri di vidirinni scippàri l’occhi l’unu  cu l’autru,

ammazzarinni, chiantàri bannèri di vittoria ‘nte panze di morti,

Vi dicu a virità :…….. Nun mi spuntò na lacrima !

Ci dissi sulu:……… Miegghiu si non nascèvi,

si non scinnèvi ‘nterra e non murivi ‘nta  Cruci !

Nuatri, fussimu nenti, né pampini , né ciuri

e mancu carni punciuta di l’api e manciata di vermi.

Fussimu nenti, negghi senza timpesta ,

e senza trona e lampi ‘nto cielu ,e  tirrimoto ‘nterra…. nenti!

Era stancu……….,mi taliava,…… e chiancìa,

cumu  nu  nnoccenti,……chi ‘nchiana  o  patibulu !

 

 

Share