Tarnav collegamenti veloci

Mimma Sparacino : l’ospedale deve diventare un grande centro per l’emergenza-urgenza

Riceviamo dalla dott.ssa Mimma Sparacino e pubblichiamo:

la dott.ssa Mimma Sparacino

la dott.ssa Mimma Sparacino

Stamani grandi emozioni!!! Brutte emozioni! Belle emozioni! La morte di Angela, la scomparsa e il rinvenimento di Lillo morto, hanno rattristato il mio cuore! Angela, quasi coetanea dopo aver tanto sofferto se ne va lasciando un vuoto incolmabile tra i suoi cari! Lillo, vecchino assai simpatico, sordo, intelligente e acuto non lo vedrò più nella mia farmacia cui era solito servirsi facendo uscire pazza la dott. Belfiòre (sua preferita in farmacia)! Belle perché leggo con grande gioia che “Rosa” ce l’ha fatta!!! Finalmente in questo deserto una bella notizia che vale la pena di commentare!

Approfitto Peppe, e mi farebbe piacere tu pubblicassi nel giornale , per spendere due parole sull’ospedale di Lipari! Posto che ringrazio di cuore i medici che a noi e alla nostra comunità hanno dedicato la loro vita con anni di duro lavoro e grande spirito “missionario ” con poveri mezzi e persone senza sostegno alcuno nè dei politici nè della stessa comunità che dovrebbe genuflettersi davanti a loro, ribadisco ciò che da anni grido a gran voce: l’ospedale va CHIUSO!

Va trasformato in presidio di emergenza coi “contromarroni”!!!

Un presidio in grado di sostenere qualsiasi emergenza dall’infarto all’ictus, dallo sfracellamento sugli scogli o a mare all’unghia incarnita, dal parto alla semplice visita ginecologica!!! Un presidio su cui tutti possiamo contare, residenti e non, con medici incentivati economicamente  (e per incentivi intendo anche diecimila euro al mese) che superino una pesante selezione per poter essere accreditati a venire a Lipari! E non mi venite a dire che costa troppo, costa molto meno di questo andirivieni di elicotteri rumorosi e inquinanti che più volte al giorno sentiamo sulle nostre teste!

Un presidio fornito dei migliori macchinari, i più nuovi, i più avanzati tecnologicamente parlando; un presidio dotato di rianimazione e con un massimo di dieci posti letto! Costerebbe meno della metà dei costi sopportati oggi! Basta con guardie mediche neolaureati che nessuno vuole! Basta con bambini che mai avranno piu’ scritto nato a Lipari sui loro documenti d’identità (mio figlio è nato a Patti e io sono una mamma che ha preso d’urgenza l’elicottero)!

Basta con l’accettare leggi fatte da ignoranti che legiferano sulle isole minori d’Italia (e non solo le nostre) come se legiferassero sulla terraferma!!! Basta con l’incapacità politica (e non mi riferisco certo al Sindaco) a non volere districare questa vergognosa matassa! Basta ai nostri vecchi che non devono morire a casa propria! Basta ai malati di cancro miei compaesani che per una chemio devono andare a Messina, Taormina, etc. etc. come se non bastasse già quello che subiscono! Basta con le emergenze ! BASTA ! BASTA ! BASTA!!!

Ah dimenticavo: lascerei il reparto dialisi. Anzi, anche li darei degli incentivi perché consentirebbe ai residenti, quelli di cui già usufruiscono, e ai turisti di poter far la vacanza sapendo di potersi tranquillamente curare! E la radiologia, fiore all’occhiello della nostra comunità magistralmente “guidata” da Giovanni Noto che pubblicamente ringrazio a nome di tutti e che è tra quelli che ha dedicato dedica e dedicherà la sua vita è la sua professione facendone missione a tutti noi!!!

Share