Mimma Sparacino : ” Lipari cittadina agonizzante, non resta che pregare “

di Mimma Sparacino

la dott.ssa Mimma Sparacino

la dott.ssa Mimma Sparacino

Caro direttore, due giorni fa il personale medico e paramedico del 118 e il pronto soccorso di Lipari insieme ai medici reperibili del laboratorio di analisi e radiologia unitamente all’anestesista rianimatore hanno salvato la vita a nostra madre con grande professionalità e spirito di servizio.

Come sai sono anni che dico che il nostro Ospedale così com’è va chiuso, per essere trasformato in presidio di emergenza e lungi da me la polemica in questo momento ( le condizioni di mamma rimangono critiche); mi duole dover constatare che perdura ormai una situazione di assenza di un cardiologo h24 che anche nel nostro caso sarebbe stato necessario, e importante.

Lipari è ormai una cittadina agonizzante a tutti i livelli e questo è sotto gli occhi di tutti, noi quasi come assuefatti al dolore viviamo fintanto che si può, trascinando una vita che vita non è, in uno dei posti più belli del mondo .

A Lipari non si nasce più , si vive male e si muore peggio. L’unica certezza è ancora lo spirito di squadra, di umanità , di affetto sincero che caratterizza gli eoliani da tempo immemorabile . Ringraziamo pertanto tutti per l’affetto manifestato in questa dolorosa circostanza affidandoci a Dio e alle vostre preghiere.

Forza signora Maria !

Share