Lipari, assobalneare chiede al Consiglio comunale modifica regolamento Tarsu

Nota del presidente dell’associazione balneare Isole Eolie, Dario Famularo, ai consiglieri comunali di Lipari

Oggetto: Richiesta modifica regolamento Comunale TARSU Concessioni Demaniali.

cannetomareIn riferimento all’oggetto con la presente si chiede a tutti componenti del civico consenso, di volere valutare la possibilità di inserire nel prossimo Consiglio Comunale come ordine del giorno la modifica del regolamento Comunale TARSU, creando apposita classificazione e tariffazione per le attività Demaniali, in quanto l’attuale classificazione, oltre ad essere non idonea, penalizza in modo spropositato i titolari di Concessioni Demaniali.

La stessa infatti non determina con esattezza la classe appropriata di appartenenza per nessuna delle nostre attività in quanto nel regolamento attualmente in vigore non sono contemplate le nostre categorie.

Ad esempio si possono prendere i pontili galleggianti ed i campi boe, che sono tassate assimilandole a officine e rimessaggio, mentre le spiagge attrezzate per posa sdraio ed ombrelloni come stabilimenti balneari, ecc.

Teniamo a precisare che la maggior parte delle Concessioni Demaniali sono rilasciate per un massimo di 160/180 giorni l’anno cosi come regolamentato nelle stesse, nonostante questo ci viene richiesto il pagamento della tassa per 365 giorni (attività completamente differenti da alberghi, ristoranti e/o altre attività svolte sul suolo pubblico e/o privato).

Inoltre si tratta di aree utilizzate che sono scoperte e, nei casi di sdraio e ombrelloni o meglio ancora di specchi d’acqua in concessione, l’utilizzo effettivo delle superfici è spesso ridotto a meno del 50 % del totale concesso per motivi oggettivi.

Ad onor del vero il regolamento prevede anche l’applicazione della tariffa “al  giorno” per le aree occupate per un periodo inferiore a 180 giorni… ma se si sceglie di utilizzare questo tipo di pagamento la tariffa viene aumentata inspiegabilmente in ragione del 100%, risultando anche più elevata di quella annuale.

Ricordiamo inoltre che i concessionari già martoriati da vigenti normative per altro molto onerose, da pesanti CANONI DEMANIALI da pagare per il mantenimento della Concessione, hanno un’altra grande incognita che sono le condizioni meteo marine che  ogni hanno riducono notevolmente l’effettivo periodo lavorativo, pertanto l’applicazione della TARSU posta in questi termini comporta grossissimi sacrifici a tutto il comparto, in quanto in alcuni casi la TARSU da pagare supera gli stessi canoni Demaniali da versare, tutto ciò rischia di creare danni irreversibili a tutti coloro che operano nel settore Demaniale, in quanto molti dei concessionari non avrebbero disponibilità finanziare sufficienti per ottemperare a tali obblighi e per sostenere i costi di gestione.

Noi concessionari riteniamo di essere una figura importante per l’economia del paese, con notevoli sforzi forniamo servizi fondamentali (Spiagge attrezzate, punti di ormeggio, ecc.) per i numerosi vacanzieri che arrivano in tutte le Isole Eolie, spesso con enormi sacrifici al fine di garantire il miglior servizio possibile e per portare alto il prestigio delle Isole Eolie.

Vorremmo precisare che con la nostra nota NON mira ad volerci sottrarre dal pagamento del tributo ma mira ad ottenere una tariffa più adeguata e uniforme possibile, che tenga conto delle effettive peculiarità che le concessioni balneari hanno.

Crediamo fortemente nel lavoro del Consiglio Comunale e nei suoi componenti, persone che dimostrano ogni giorno la volontà di migliorare questo paese e di chi ci vive, per questo chiediamo a Voi di farvi portavoce di questa nostra problematica e convocare apposito Consiglio Comunale deliberando per un’equa tassazione.

Sicuri di un Vostro positivo riscontro e con l’auspicio che il regolamento TARSU sia oggettivamente attenzionato da tutte le forze politiche essendo una deliberazione a favore di tutti i cittadini, si porgono cordiali saluti.

 

Associazione Balneare Isole Eolie

Il presidente

Dario Famularo

 

Share