Lina Paola Costa segnala uno “sfregio” linguistico

di Lina Paola Costa

Gentile Direttore,
inoltro questa comunicazione inviata alle Autorità competenti affinché si possa chiarire una volta per tutte come si scrive in inglese il nome “isole Eolie” e il correlato aggettivo “eoliano”: Aeolian.

A Lipari sono comparse negli anni storpiature, insegne con errori di grammatica che non dobbiamo assolutamente esportare, riguardo all’uso del termine Eolie ed eoliano.

E se due o tre soggetti si ostinano a scrivere nel modo sbagliato Isole Eolie in inglese, infestando le isole con insegne bislacche, si deve invece tutelare la correttezza della traduzione di un nome che profuma di storia e da lunghissimo tempo è di per sé un brand culturale e turistico.

Grazie per l’attenzione.
Lina Paola COSTA

……………..

Lipari, 2 giugno 2019
Buon giorno,

ho appena preso visione del bel video, lanciato sui social, che l’Autorità Portuale di Messina ha destinato alla visione sulle navi da crociera.

Il video è avvincente, ovviamente, e abbraccia riprese panoramiche di un territorio vasto, dalle mille peculiarità naturali e antropiche.

Tuttavia devo segnalare un grossolano duplice errore nel tag che indica le Isole Eolie in lingua inglese.

L’arcipelago infatti si denomina Aeolian Islands (e non come avete scritto Eolian Island): ci vuole la A maiuscola con il dittongo AE per scrivere eoliano, la maiuscola anche per scrivere isole e la S finale del plurale perché le isole sono sette e non una.

Correggete il tag perché gli stranieri noteranno di certo i refusi e le Eolie non meritano questo sfregio linguistico.

Aeolian Islands

Grazie per l’attenzione.

Share