Le Eolie di Daniele Nardi

nardi brundu

di Antonio Brundu

Il giovane alpinista Daniele Nardi aveva scalato le montagne più alte del mondo,  come l’Everest nel 2004, il K2 nel 2007, il Nanga Parbat e il Broad Penk nel 2008. Durante gli incontri nelle scuole delle Eolie, gli alunni avevano rivolto, tra l’altro, a Daniele una domanda specifica: “Quale sensazione si prova a quell’altezza? “Ci si sente in modo netto- ha risposto Daniele Nardi- proiettati verso il cielo e più vicini a Dio. Quell’altitudine dà molta euforìa, ma ti fa sentire, anche, molto piccolo, perché ti trovi al confine tra l’immensità della terra ed il cielo infinito”.

Ora Daniele e il suo compagno inglese di cordata Tom Ballard si trovano su questo confine, nelle pareti del Nanga Parbat, dal quale non faranno più ritorno. Una notizia sconvolgente che abbiamo appreso in questi giorni e che ci ha lasciati con un profondo vuoto dentro. Speravamo tanto che ciò non accadesse e abbiamo seguito, passo passo, i due alpinisti durante il loro percorso verso la conquista della vetta (8.125 m.); ma qualcosa non è andato per il verso giusto (forse una valanga li ha travolti ed ha fermato la loro salita, a 6.000 metri di altezza).

Così è finito il loro sogno e, purtroppo, anche la loro vita è stata stroncata a soli 42 anni (Daniele) e a 30 anni (Tom). Daniele Nardi di Sezze (in Provincia di Latina e a poca distanza da Roma) era divenuto, ormai, dal 2007, un assiduo frequentatore delle Eolie, dove, quasi annualmente, ci veniva a trovare nelle isole di Salina e di Lipari (mio ospite a Malfa e di Italo Toni a Quattropani), insieme al fraterno amico Sergio Pizzi di Roma e residente ad Arezzo. Insieme a loro abbiamo organizzato vari eventi sportivi e culturali nei tre Comuni di Leni, Malfa e Santa Marina Salina e, anche nel Comune di Lipari, con l’obiettivo di divulgare e di fare conoscere i diritti umani a livello internazionale. Era stata, tra l’altro programmata, una scalata alla Canna di Filicudi dove, nel 1972 prima e nel 1993 dopo, erano saliti gli alpinisti del Monte Rosa per porre una statua bronzea della Madonna alta 3 metri. Ma il legame più forte di Daniele era rappresentato, nell’isola di Salina, dalle escursioni sul Monte Fossa delle Felci (962 m.), la montagna più alta delle Eolie.

Tutto si poteva immaginare tranne una così repentina loro scomparsa nella montagna del Nanga Parbat in Pakistan, nonostante si era al corrente dei rischi a cui andavano incontro con questa ultima scalata. Ma la loro determinazione, il loro convincimento, la loro certezza nel volere affrontare questa impresa ed il loro entusiasmo, ci hanno portato a noi, suoi amici e sostenitori, oltre ai loro familiari, a stargli vicino e ad incoraggiarli, perché abbiamo creduto ai valori e agli ideali di Daniele e di Tom, esperti conoscitori delle montagne più alte del mondo. Inoltre Daniele Nardi non era soltanto appassionato scalatore delle pareti rocciose, che lo spingevano, con un magnetismo estremo, alla conquista delle alte vette, ma era un convinto sostenitore dei diritti umani a livello mondiale. Dotato di una intelligenza e di una profonda sensibilità, non poteva esimersi dal portare avanti principi e convinzioni per contribuire a migliorare la nostra società a livello umano e culturale.

Queste parole non vogliono essere esaustive di quello che è stato Daniele e di quanto ha realizzato durante la sua attività sportiva e sociale a livello umanitario, ma sono soltanto alcune considerazioni espresse ora, in questo momento di grande tristezza e dolore per la perdita improvvisa di una persona così splendida e solare, come la lucentezza della bianca e candida neve. Penso alla madre, alla moglie, agli amici e a tutti coloro che lo hanno conosciuto ed apprezzato nelle Eolie ed anche agli alunni delle scuole eoliane, che l’hanno ascoltato con interesse ed entusiasmo. Adesso bisogna cogliere e raccogliere il senso ed il valore del suo messaggio, perché ora lui rimarrà sempre vivo dentro il nostro animo, senza dimenticare il suo compagno inglese di cordata Tom Ballard, che avremmo avuto il piacere di conoscere, magari alle Eolie.

 

 

 

 

Share