La Carta dei dissesti di Lipari

carta dissesti liparidi Giuseppe Ciminato

La Carta dei Dissesti (P.A.I. scala 1:10.000) dell’isola di Lipari, offre un interessante punto di osservazione sulle aree di dissesto dell’isola. Osservando la carta, a primo sguardo, si nota come l’abitato di Acquacalda sia fortemente soggetto al rischio idrogeologico, infatti sia la frana sulla S.P. 181c Quattropani-Acquacalda del 16 ottobre scorso, sia area di dissesto dello scoglio dei Monaci (poco prima di arrivare nell’abitato di acquacalda) sono da tempo già noti. Abbassando un po lo sguardo possiamo osservare due aree a rischio sopra l’abitato di Canneto, uno è il Vallone Gabellotto (torrente Calandra) l’altro Vallonaccio (o Aurora); per quanto rigurda Lipari notiamo un area a rischio in prossimità della chiesa dell’annunziata, e sui versanti est di Monte Giardina e Guardia. Grande rischio dunque per tutta la costa Ovest dell’isola e le zone di Varesana di sotto, e lungo il sentiero Caolino-S.Calogero (sotto la contrada Castellaro).

 

Si osservi come le aree di dissesto dei centri abitati di Lipari e Canneto coincidano con i torrenti che causano più danni. Sia il Gabellotto, sia il Vallonaccio, Valle e Ponte durante il deflusso di piena trasportano grandi quantità di materiale solido che si riversa sulla sede stradale producendo disagi alla circolazione e fatture da pagare al comune per ripulire le strade.

 

Dott. Giuseppe Ciminato

http://naturalviewlipari.blogspot.it/

Share