Inceneritore Mela, il comitato : in dieci mila, segno che la battaglia si può vincere

comitato inceneritore

Comitato cittadini contro inceneritore Mela

Una splendida giornata, piena di partecipazione come non si era mai vista a Milazzo e nella Valle del Mela: ben 10 mila persone (o forse più) testimoniano che questo territorio si è svegliato e comincia a farsi valere. 10 mila persone sono il segno che questa battaglia si può vincere, che la politica e le istituzioni devono stare attente, perchè ci avranno sempre col fiato sul collo affinchè intraprendano finalmente gli atti concreti che abbiamo chiesto.
Questo inceneritore non può e non deve essere autorizzato!
Hanno provato in tutti i modi a convincerci del contrario. Non hanno applicato il Piano regionale dei rifiuti che prevede differenziata, riciclaggio e recupero di materia, per portare le discariche al collasso e lasciare la spazzatura a marcire nelle nostre strade: speravano così che la gente accettasse di subire in silenzio i veleni degli inceneritori ed i profitti che vorrebbero fare sulla nostra pelle.

Gli eoliani a Milazzo

Gli eoliani a Milazzo

Ma si sbagliavano: la grande manifestazione di oggi lo ha dimostrato in maniera lampante.
Adesso la lotta continua, urge un incontro dei Sindaci con Gentiloni, con tanto di presidio popolare davanti Palazzo Chigi.

Dobbiamo lottare con ogni mezzo (che va dalla mobilitazione popolare alle azioni legali) contro la possibilità che il governo centrale conceda l’autorizzazione ambientale a questo eco-mostro che nessuno vuole.

Pretendiamo che il Presidente della Regione faccia propria questa battaglia.
Dobbiamo sincerarci che un’eventuale richiesta di concessione edilizia venga respinta, così come previsto dalla legge, in quanto l’inceneritore è vietato dal Piano Paesaggistico dell’Ambito 9.

Dobbiamo pretendere che il Piano Paesaggistico venga difeso dai numerosi ricorsi e che venga al più presto applicato e recepito nei vari Piani regolatori, in primo luogo dall’IRSAP (l’ente regionale che gestisce le aree industriali).
Un grazie particolare alle delegazioni provenienti da ogni parte della Sicilia e anche d’Italia (come le Mamme No Inceneritore di Firenze).

Share