Impreziosire un ambiente con un divano Chesterfield

Donare nuova luce a un ambiente non è mai stato così semplice. La soluzione giusta è quella di arricchire l’atmosfera con la calorosità offerta da un divano Chesterfield, prezioso elemento di arredo senza tempo, dalla classica caratteristica diamantata sulla spalliera. Nato da una concezione romantica e in origine pensato per un ambiente di tipo rétro, questo genere di soluzione oggi si sposa perfettamente con ambienti moderni ed essenziali, nei quali riscalda con semplicità. Le linee gelide e spesso austere degli arredi di nuova concezione trovano una risposta nell’accurata selezione di vamadivani.it, un’ampia gamma di divani e coordinati, che donano pregio a qualsiasi salotto. Ogni collezione è inoltre appositamente pensata per soddisfare qualsiasi tipo di arredo, anche quello più classico, che nelle proposte capitonné trova la risposta a ogni esigenza.


I divani Chesterfield: una scelta che arreda

Protagonisti in ogni ambiente contemporaneo, ricercati nello stile vintage, eleganti nelle concezioni più rustiche e maestosi negli abbinamenti shabby: i divani Chesterfield rappresentano una scelta di tendenza per ogni salotto. Tutte le proposte a lavorazione capitonné nascono da uno stile prezioso e curato e piccole variazioni rendono ogni modello adatto a tutti contesti. Per gli ambienti moderni e in ogni caso in cui gli spazi siano sufficientemente ampi, la soluzione più giusta è un divano Chesterfield angolare, un’unità che abbraccia anche i salotti più freddi.

 

 

La ricchezza della sua trama, mista all’eleganza delle linee, basta da sola a completare con successo un arredo di per sé spoglio; tuttavia, arricchito con cuscini e altri piccoli elementi decorativi, spezza la monotonia e diventa il protagonista di ogni camera. Sceglietelo in bianco o in tessuti misti per esaltare arredi moderni e rigorosi o in pelle tamponata per ambienti di concezione più classica.

 

Dal classico al contemporaneo: una soluzione per tutto
Quando il gusto rétro incontra lo stile moderno, si può optare per un divano Chesterfield impreziosito da braccioli che si ripiegano in diagonale verso l’esterno: sono modelli che nascono da una concezione più classica, per accompagnare una parete non troppo ricca e mettono in mostra anche il locale più spoglio grazie allo schienale finemente lavorato. Pochi cuscini laterali e semplici elementi decorativi ammorbidiscono ulteriormente la linea, che trova spazio anche in stili urban o in concezioni lievemente shabby. Nei colori più moderni, il divano Chesterfield è un oggetto prezioso e di pregio, che arricchisce ambienti in legno dalle sfumature chiare. Ma è ideale anche con arredi vintage, dove dona un tocco di classe se abbinato a lampadari chandelier. In pelle marrone si accosta con successo a stili più classici, come quelli accompagnati da rifiniture in legno scuro e lampadari in ferro battuto. Ma si sposa bene anche con ampie librerie e studi professionali, dove ricercatezza ed eleganza vanno di pari passo con la sobrietà.


Un ambiente ricercato grazie ai divani Chesterfield

In ambienti più classici, e nei casi in cui il salotto disponga di un camino, il tocco di classe è inserire due divani Chesterfield identici e lineari. Posti l’uno di fronte all’altro – e disposti in senso ortogonale al camino – creano un ambiente delicato e sobrio, che può essere arricchito da ampi specchi e tappeti. Nei salotti più classici, si accompagnano con successo a poltrone dello stesso modello o a divani più piccoli dalla medesima lavorazione; soluzioni contemporanee consentono invece di abbinare un divano Chesterfield a poltroncine moderne e colorate. In questo contesto, lo stile è fortemente eclettico e sono ammessi, tenendo conto della scala di colori che compongono l’insieme, piccoli strappi alla regola dal carattere shock. Via libera al rosso o all’oro in ambienti nei toni del bianco e spazio al giallo dove domina il nero. Ma i divani Chesterfield rompono le convenzioni anche in camera da letto, dove una piccola soluzione a due posti può donare eleganza all’insieme.

(Publiredazionale)

 

Share