Il turismo lasciato al caso

peter

di Daniele Corrieri

Turismo alle Eolie: se ne parla tanto ma se ne produce poco. Per disgrazie altrui, di Tunisia e Egitto e sulla scorta del pieno registratosi nelle isole siciliane, d’inerzia abbiamo riempito pure noi e gli operatori turistici locali hanno limitato i danni, perché di danni ne abbiamo tanti ( sino al 20 luglio molti operatori tremavano).

Nel frattempo di programmazione 2014 non se ne parla: Lo scorso marzo all’hotel La Filadelfia il Sindaco Marco Giorgianni disse che la prima cosa da fare sarebbe stata la fiera delle isole minori. Ma secondo voi si farà? Visti i tempi ristretti , e altro, mi scappa da ridere! E il nostro Assessore al Turismo che cosa sta facendo? Pare che non riscuota consensi; addirittura in una conversazione piacevole di oggi si sottilineava che ha portato a Lipari le “Vele Nere”, storie di Pirati e conquiste, tra l’altro pubblicizzate in una tv locale di Sant’Agata di Militello per circa 2.500 € e in barba ai media locali. Forse era meglio fare “Vele Azzurre, Storia e cultura” viste le bellezze delle nostre isole e magari con un piccolo contributo ai media locali per un ritorno pubblicitario diverso.

Molti sperano, tra belle facce in esposizione, che il dott. Cuccia trovi posto nel Distretto Turistico e se li non c’è spazio, al Gal Isole di Sicilia. A proposito ma del progetto del Distretto Turistico sappiamo qualcosa? Mi sembra di ricordare che vi era qualche piccolo problema. Potrebbe informarci lo stesso Assessore, presentatore del progetto con un bel 30 e lode dato da Federalberghi Isole Eolie.

Frattanto si spera nell’aumento della tassa di sbarco e in quella per i barconi: fino a 2,50 euro di qua e a 5 di là; poi se Milazzo dice facciamo pagare 50 centesimi viene giù il mondo. Ma chi ha ragione? Per me nessuno dei due Comuni, anche perché senza programmazione a Lipari arriva di tutto e di più e meno male che arrivano grazie al richiamo, a quel nome che non sappiamo pubblicizzare e soprattutto vendere nel mondo. L’importante è comunque che con questi soldi dei tickets si facciano tante cose e non assistenza.

Mi congratulo, infine, con Federalberghi Isole Eolie: Raccomanda attraverso uno stage, di capire al meglio i portali di prenotazioni. Ma forse non sa che ci sono strade per risparmiare e avere le prenotazioni a costo zero senza più pagare le commissioni!

 

 

 

Share