Tarnav collegamenti veloci

Ginostra, appello a Mattarella per i lavori al porto e per il diritto a degna sepoltura

 

Ginostra- Lettera del prof. Riccardo Lo Schiavo al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e per conoscenza al Prefetto di Messina, al Capo Dipartimento Protezione civile e al Sindaco di Lipari:

l'approdo di Ginostra

l’approdo di Ginostra

Egregio sig. Presidente,

Le scrivo da Ginostra, frazione dell’isola di Stromboli, raggiungibile solo via mare; un pugno di bianche casette, sparse sulle pendici dell’omonimo vulcano, abitate

da alcune decine di anime, superstiti di una popolazione che prima del secondo conflitto mondiale contava quasi mille unità.

Ginostra detiene dei singolari “primati” a livello nazionale: l’energia elettrica è arrivata addirittura nel 2004! e solo nel 2005 è stato realizzata una piccola infrastruttura portuale che consente i “regolari” collegamenti con la terraferma.

Proprio quel pontile, da cui dipende la vivibilità, nonché la sicurezza della comunità (per ovvi motivi legati all’imprevedibile attività dello “Stromboli”), ripetutamente danneggiato dalle mareggiate, necessita di taluni interventi di messa in sicurezza. A tal fine il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile aveva stanziato, con ordinanza n. 0094 del 13/06/2013, ben 880mila euro, incaricando contestualmente il Sindaco di Lipari di provvedere al completamento dei “lavori di manutenzione straordinaria e miglioramento tecnico” dell’approdo in questione.

A distanza di tutti questi anni quei lavori non sono ancora iniziati!!! Né si hanno notizie certe di quel finanziamento: continui appelli e interrogazioni alle Istituzioni competenti sono rimasti ad oggi  senza alcun un riscontro scritto.

Cosa deve fare, signor Presidente, un ginostrese per avere una qualsivoglia risposta???

Sig. Presidente, da qualche tempo a Ginostra non si ha più neppure il DIRITTO di ESSERE SEPOLTI! Nel nostro cimitero difatti non esiste un solo loculo dove essere eventualmente tumulati! All’umana paura della morte si è aggiunto ora lo sconforto di non potere godere del riposo eterno nella nostra amata terra natia!

Questo abbandono, sig. Presidente, non è ulteriormente sopportabile! Per questo invoco un Suo autorevole intervento affinché  richiami e sensibilizzi le Istituzioni locali all’attenzione e al rispetto che piccole realtà come la nostra, seppur politicamente insignificanti, certamente meritano.

Nel ringraziarLa anticipatamente, voglia gradire i più sinceri Auguri di un Felice Anno Nuovo!

Riccardo Lo Schiavo

Share