Tarnav collegamenti veloci

Gestione rifiuti : i fondi del contributo di sbarco per potenziare il servizio

rifiuti 3

Via libera del Consiglio comunale al Piano finanziario e d’intervento. Non sarà aumentata la tassa 

Con sette voti favorevoli della maggioranza ( Abbondanza, Pajno, De Luca, Grasso, Finocchiaro, Bertè, Biviano), due contrari ( Sabatini e Lorizio) e due astenuti ( Gugliotta e Muscarà) il consiglio comunale ha approvato il nuovo piano finanziario di gestione dei rifiuti 2017 -2019 e la presa d’atto dell’intervento comunale 2018 -2024. Presentati e approvati alcuni della serie di emendamenti che hanno animato un corretto confronto tra maggioranza e opposizione , frutto anche di una maggiore collaborazione dell’Amministrazione nelle riunioni di commissione. Tra le proposte passate, da segnalare quello della maggioranza relativo alla copertura dei maggiori oneri per il servizio di spazzamento e raccolta ( + 10%) con i fondi del contributo di sbarco e che evita , in sostanza l’aumento della tassa ai cittadini, e un ordine del giorno per il potenziamento della raccolta dell’umido. Il piano della SRR prevede l’impiego di unità adeguate e assunzioni a tempo indeterminato a sei ore; l’anticipo dell’inizio a maggio del servizio estivo , la pulizia delle spiagge bandiera blu, il servizio di raccolta puntuale laddove previsto con un porta a porta completo, il rinnovo delle attrezzature e soprattutto aree di trasferenza e altre strutture che dovranno consentire , non prima di un biennio comunque, di abbattere i trasferimenti dell’organico nella terraferma .

Nessuno dei consiglieri comunali, piuttosto, si sarebbe soffermato nel merito della tariffa puntuale. Secondo gli esperti che seguono il nostro giornale e la questione rifiuti dall’esterno , infatti, con l’entrata in vigore della tariffa puntuale c’è l’opportunità di ottenere un servizio di eccellenza, inducendo una riduzione dei costi anno dopo anno.

Inoltre, chi ci segue , sostiene, che il tradizionale servizio Porta a Porta non è adeguato e non è sufficiente a soddisfare le molteplici esigenze di luoghi con picchi turistici come le Isole Eolie. Con il “classico” Porta a Porta mancherebbe il tempo per gli operatori per eseguire tutte le funzioni necessarie e imprescindibili per un ottimale servizio in luoghi come Lipari.

Attraverso una gara a progetto, per sette anni, la gestione integrata dei rifiuti costerà 2 milioni 320 mila euro . Un’altra gara sarà fatta probabilmente ( si attendono le indicazioni della Regione ) per quanto riguarda il trasporto via mare dei rifiuti , con copertura finanziaria già prevista con la riserva di legge. Nel Consiglio di stamane, oltre al dirigente Ficarra e al direttore della SRR Fonti è intervenuto anche il sindaco Marco Giorgianni che ha risposto alle domande della minoranza, in particolare di Francesco Rizzo. Chiarito ancora una volta dal primo cittadino che i costi per il trasporto in discarica dipendono dalle disposizioni della Regione in relazione ai siti disponibili . Ma anche che nessuna realtà siciliana presenta la complessità delle isole del Comune di Lipari che necessitano del trasporto via mare.  ” Se c’è un argomento che interesserà prossimamente il Consiglio- ha inoltre detto il Sindaco- sarà quello degli sgravi che si dovranno prevedere con un nuovo regolamento”. Da affrontare col nuovo anno anche la situazione nelle concessioni demaniali come i pontili galleggianti. Da segnalare come per il consigliere di maggioranza Adolfo Sabatini il piano non sia credibile e , secondo il quale, a pagarne le conseguenze saranno i cittadini.

Share