TARNAV - gif Natale

Fratelli Biviano derubati a Fiumicino di attrezzature e medicine

WCENTER 0XNHDAQNPF I fratelli Marco e Sandro Biviano, affetti da distrofia muscolare, durante la protesta di alcuni malati in favore del 'metodo Stamina' in piazza Montecitorio a Roma, il 23 luglio 2013. I due fratelli di Lipari sono tornati a manifestare dopo un breve ricovero in ospedale per un malore, il 30 luglio 2013. ANSA/MASSIMO PERCOSSIAmaro viaggio a Roma per i quattro fratelli Biviano, tutti e quattro affetti dalla distrofia muscolare, a cui oggi a Fiumicino, nel pulmino con il quale si muovono, sono state rubate tutte le attrezzature, i dispositivi medici basilari per la respirazione e le medicine. Sandro e Marco Biviano, sono ricordati dalla cronaca per aver vissuto due anni in tenda (dal luglio 2013 al giugno 2015) davanti alla Camera in piazza Montecitorio per protestare, come ricorda la deputata Udc Paola Binetti nel dare la notizia del furto, “contro l’indifferenza delle istituzioni nei loro confronti e nei confronti di molti altri malati che versano in analoghe condizioni”

Sandro e Marco, insieme alle sorelle Elena e Palmina, vivono a Lipari e sono un caso rarissimo: sono tutti e quattro affetti da distrofia muscolare di tipo facio-scapolo-omerale e oggi, spiega Binetti, “erano a Roma per una serie di accertamenti medici, servendosi di un pulmino attrezzato, in cui c’erano i respiratori indispensabili per le due sorelle: Elena e Palmina, che versano in condizioni più gravi”, altri macchinari e tutte le medicine.

D’Anieri & C. : le offerte fino a giovedì 8 giugno

Binetti si appella ai ladri: “Per voi è un semplice furto ma questi oggetti è legata la vita di questi ragazzi. La cattiveria non può essere causa di morte diretta per tante persone. Perché si tratta dell’ennesima ferita a ragazzi che tanto hanno sofferto fin dalla nascita! Macchine tarate su misura per questi ragazzi e non facilmente trasferibili ad altri pazienti. Un furto drammatico e stupido, che va restituito quanto prima, se ancora esiste un brandello di umanità e di intelligenza…”, conclude Binetti. ( Adnkronos).

Share