Tarnav collegamenti veloci

Eolie e il voto…verso la luce

Sommessamente

Surreale commentare una tornata elettorale che, a livello locale, ha visto oltre il 60% degli elettori del Comune di Lipari restare a casa. Al di là dei facili entusiasmi di qualche baronetto , tra chi predica bene e razzola male e redivivi, anche da queste parti, ha vinto l’astensionismo. Penalizzati i candidati degli ex candidati a Sindaco, Giorgianni e Rizzo, ( rispettivamente Ardizzone e Croce ) rimasti al palo; in particolare, l’ormai ex presidente dell’Ars, dopo diversi anni a Palermo che risucchiato dalla debacle di AP di Alfano e D’Alia, resterà nella sua Messina.  Per il resto non c’erano dubbi che , anche da queste parti, nonostante la significativa e limpida affermazione del M5S, tra chi ci crede e chi li vota per protesta, avesse vinto il centrodestra unito ma, per piacere, lasciamo stare le ideologie. Da sottolineare a Pianoconte i 64 voti per il ventunenne Luigi Genovese  e l’affermazione di Santi Calderone per Sicilia Futura che ha doppiato Picciolo. Il Pd ? Non è più nulla da tempo. Anche in questo caso (oltre a quelli di Genovese e Rinaldi s’intende, che fanno la differenza e si vede) mancano centinaia di voti all’appello che hanno preso altre vie e che presto potranno condurre…alla luce.

Regionali: il voto nel Comune di Lipari

I nuovi deputati messinesi all’Ars

Share