Dalla Regione attenzione ai porti di Lipari e Leni

porti

(Comunicato) Il governo Musumeci ribadisce grande interesse per la portualità e i collegamenti marittimi delle isole minori della Sicilia.

Se ne è discusso nel corso di una riunione della IV Commissione Ambiente, Territorio e Mobilità, all’ARS, convocata dalla Presidente Giusi Savarino, per fare il punto sulle esigenze dei porti di Marsala, Menfi, Porto Empedocle, Lipari e Leni.

Nel corso dell’audizione, l’Assessore Regionale per le Infrastrutture e la Mobilità, Marco Falcone ha ribadito l’impegno e l’interesse per le isole minori della Sicilia, elencando gli interventi già previsti per le Eolie, le Egadi e Pantelleria, senza dimenticare Ustica e Lampedusa. Si è, quindi, soffermato sull’importanza di sostenere i lavori dei porti di Lipari e Leni. Il sindaco di Lipari, accompagnato dall’assessore Merenda, dopo un excursus sulla peculiarità del sistema portuale eoliano, visto l’oggetto della riunione, ha rimarcato la necessità di mettere in sicurezza la rada di Lipari e rendere operativo al più presto Porto Pignataro. Il Vicesindaco di Leni, Riccardo Gullo, ha sostenuto e spiegato la valenza del porto turistico di Leni, mentre il sindaco Domenico Arabia ha posto l’accento sulle necessità del porto commerciale e del porto turistico di Santa Marina Salina.COT

La presidente Savarino – con grande soddisfazione dei presenti – ha quindi annunciato la convocazione di una prossima riunione finalizzata ad individuare azioni di miglioramento della qualità e della sicurezza dei collegamenti marittimi con le isole minori della Sicilia.

“Dal nostro canto, abbiamo sottolineato – ha dichiarato Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Minori Sicilia – l’esigenza che la Regione si faccia carico in modo regolare dei costi di manutenzione delle infrastrutture portuali delle isole minori e di supportarle in tutte le fasi di progettazione e realizzazione degli interventi di messa in sicurezza necessari a garantire l’accessibilità delle isole anche in condizioni meteo avverse”.

Federalberghi Isole Minori della Sicilia

liberty ban

mondo alberghiero

Share