Tarnav collegamenti veloci

Consiglio approva statuto Gal Tirreno-Eolie e sottoscrizione quota sociale

Maggioranza in vistosa difficoltà

Maggioranza in vistosa difficoltà

Ma passa una delibera priva del parere del Ragioniere generale Francesco Subba. Maggioranza in vistosa difficoltà, Art.1 e il gioco delle parti di chi ha la memoria corta

Lipari- Approvato dalla maggioranza con i voti di Portelli, Biviano, Orifici, Pellegrino, e Busacca ( astenuti Giuffrè e D’Alia) lo statuto e l’autorizzazione alla sottoscrizione della quota del capitale sociale, di 1000 euro, del Gal Tirreno – Eolie. Astenuti i consiglieri dell’opposizione presenti in aula Lo Cascio e Finocchiaro che hanno consentito lo svolgimento della seduta. Polemiche per la presentazione in aula della delibera priva del parere del dirigente del settore Economia e Finanze, Francesco Subba , chiamato in aula per i necessari chiarimenti.

Il Ragioniere generale ha affermato, tra l’altro , che non risulta lo stanziamento in bilancio e che non potrebbe essere costituita una società consortile perchè le altre partecipate sono in liquidazione. Aspetto , quest’ultimo, sul quale si è registrato , invece, il via libera del Segretario generale il quale a sua volta ha parlato di un errore di valutazione nell’istruzione della pratica ( non si è capito bene se del dirigente del 2°  o del 3° settore).

sergio costanzo

minoranza

Sull’arrivo in aula della delibera priva del parere del Ragioniere generale , il quale, comunque, aveva dato il suo parere negativo in precedenza come il Revisore dei Conti,  il consigliere Mariano Bruno ha evidenziato l’illegittimità dell’atto ritirando il suo parere favorevole e gli apprezzamenti prima rivolti all’assessore Pajno. Che ha ammesso l’errore ricordando però il grande lavoro svolto per la nascita del Gal e il successo ottenuto, con le aspettative delle 70 aziende del territorio che credono nell’iniziativa che vede il comune di Lipari capofila vista l’esperienza riconosciuta dagli altri enti nella programmazione negoziata .

I cinque consiglieri di maggioranza che hanno votato favorevolmente lo hanno fatto , tuttavia assumendosi delle responsabilità , come del resto accaduto altre volte. Ma è , comunque, una maggioranza in grossa difficoltà. Assente anche il presidente Sabatini che com’è noto nei giorni scorsi ha mandato degli “avvertimenti” sull’Amp e sul porto.

pajno orto subba

 

 

 

 

 

 

Sul Consiglio di questa mattina non manca la replica di Art. 1 del presidente Alessandro La Cava. 

Comunicato Art. 1

Arriva in consiglio comunale un documento fondamentale per la costituzione del GAL e l’amministrazione si presenta,come sempre,impreparata all’appuntamento con una delibera priva dei pareri necessari a dare quella serenità a chi ,nel rispetto del mandato conferito dagli elettori,deve esprimersi assumendo si la responsabilità di approvare o bocciare un atto.

Pertanto anche oggi siamo stati costretti ad assistere alla ennesima farsa con una amministrazione ed un Sindaco che Gal..leggiano solo perché l’opposizione responsabile (Bruno,Finocchiaro e Lo Cascio) è stata capace di tutelare ancora una volta gli interessi dei tanti imprenditori che credono in questa forma di aggregazione.

Ancora una volta Bruno e colleghi hanno garantito il numero legale dimostrando a chi si assenta alimentando le beghe interne all’UDC, partito del Primo Cittadino, che gli interessi della collettività si antepongono sempre agli interessi personali.

Spicca su tutti il voto consapevole della consigliera D’Alia,parente stretto dell’attuale Sindaco,che,con la sua astensione, ha palesemente dimostrato ai suoi colleghi di maggioranza che quel documento,viziato dal parere contrario dei dirigenti, non andava votato.

Finalmente una opposizione che comincia ad evidenziare la palese incapacità politica gestionale di questa amministrazione.

Adesso non siamo più soli!

Art.1

Share