Tarnav collegamenti veloci

Chiofalo e il PD : ” le minoranze non impongono ma propongono”

di Luca Chiofalo

luca chiofaloLa minoranza dem alza la posta ogni giorno. Il segretario Renzi (mandato fino a dicembre) è andato incontro a tutte le richieste, concedendo primarie e congresso anticipato. Ma non basta, perché le divergenze non sono squisitamente politiche, programmatiche o strategiche… Partendo da una pretestuosa polemica sui voucher (da modificare, d’accordo, ma comunque solo il 2% delle retribuzioni totali) e passando per l’accusa di eccessivo ‘decisionismo’ del capo (insito nel ruolo ma difficile da concepire per chi è abituato a fare riunioni lunghe e appassionate solo per decidere l’orario della riunione successiva😂), i vecchi e rancorosi notabili del partito democratico sono disposti a sfasciare tutto pur di far fuori Renzi che li ha oscurati e marginalizzati.

Bene, se non si abituano all’idea che, dentro un partito, le minoranze non impongono, ma propongono, partecipano, si confrontano e poi accettano la linea sostenuta dalla maggioranza, è meglio che vadano per conto loro.

Renzi, adesso, vincerebbe primarie e congresso, dilatare i tempi alzando strumentalmente le pretese serve ad indebolirlo per poi abbatterlo.

Certe manovre di accerchiamento e logoramento ricordano trascorsi disastrosi della sinistra italiana, irresistibilmente tentata dalla brama di eliminare i leader vincenti (quindi ‘impuri’) e scissionista fino all’insignificanza…

Si cerchi di sanare le fratture e di comporre le divisioni, democraticamente, oppure ognuno per la sua strada. Ma senza tergiversare. Io come Renzi e chi lo sostiene non vogliamo lasciare la guida del nostro paese alla destra di Salvini o ai grillini.
Cordialmente

Luca Chiofalo

Share