Tarnav collegamenti veloci

Centro Studi e Amministrazione comunale lanciano progetto ” I percorsi del confino”

liberty ban

Sarà illustrato il 22 aprile all’hotel Mea. Valorizzazione turistico culturale di case e luoghi del confino coatto

COMUNICATO STAMPA

Nella giornata del 14 aprile u.s. l’Amministrazione comunale ha deliberato la presa d’atto della proposta relativa al progetto di valorizzazione turistico-culturale “I percorsi del confino”.

Lipari fu sede, sotto la dittatura fascista, di confino coatto per gli oppositori politici. Il confino nelle isole interessò principalmente gli oppositori del regime ritenuti più pericolosi. Fra tutte le isole di confino, Lipari fu certamente quella più vivibile, sia perché le sue notevoli dimensioni favorivano i rapporti dei confinati con gli abitanti, sia perché, in misura maggiore che altrove, a Lipari veniva consentito ai confinati di abitare in residenze private, insieme ai propri familiari o ad altri compagni.

Attraverso la predisposizione del percorso il Centro Studi e l’Amministrazione vogliono ricostruire e ricordare, a quasi un secolo dagli eventi, una delle pagine fondamentali della storia italiana. Un percorso d’esperienza umana, dal forte impatto emotivo, spazio mentale prima che fisico; il percorso faciliterà la conoscenza dei luoghi dell’esilio in grado di far rivivere le case, le strade, i luoghi che hanno visto la presenza di centinaia di antifascisti. Il principale risultato che si attende da questo progetto è porre le premesse per la costituzione di una vera e propria rete di tracciati, fruibili dal viaggiatore/turista come percorsi turistici strutturati che, attraverso la partecipazione dei cittadini e degli operatori del territorio, siano in continua evoluzione e si migliorino con ricerche, attività di promozione e interventi di tutela. Il progetto si articola in tre fasi di attività distinte, intercalate da momenti di confronto con i soggetti istituzionali coinvolti, così da verificare il lavoro svolto rispetto a quanto programmato.

La prima fase prevede: L’individuazione dei luoghi e degli elementi che costituiscono l’itinerario e la collocazione di targhe illustrative e didascalizzate nei luoghi dei confinati. La seconda fase prevede: L’acquisizione e la ristrutturazione delle garitte collocate nell’area dell’ospedale civile e nella zona di Ponte e loro attivo coinvolgimento nel percorso con pannelli didascalizzati e/o altre soluzioni multimediali. La terza fase, prevede: La collocazione a Marina Corta e Sottomonastero di due tavole riepilogative e di orientamento del percorso, per consentire ed avere una panoramica complessiva dei siti da visitare e la Realizzazione del Centro di Documentazione.

Il progetto sarà illustrato sabato 22 aprile p.v. presso l’Hotel Mea di Lipari, alla presenza del sen. Raffaele Ranucci.

***

[…] noi rivediamo le loro orme. Dopo averla letta, capiterà agli autoctoni o ai turisti di imbattersi in quei personaggi scomparsi, in quei cari fantasmi, che hanno seguito gli stessi itinerari, che hanno calpestato la stessa terra. E che, al confino, hanno trovato una popolazione accogliente. Anche questo è un aspetto poetico: si aspettavano l’isola del diavolo e hanno trovato spesso mani tese e sorrisi. (Bernardo Valli)

Il Presidente

Share