Calajunco : da oggi barche fuori, bagnanti dentro…finalmente !

66596287_709918522819548_2552387467877548032_n

(Comunicato Guardia costiera Lipari) Nella mattinata di oggi è stata finalmente portata a termine un’importante iniziativa per la tutela della sicurezza della balneazione voluta fortemente dalla comunità isolana di Panarea e promossa dalla Guardia Costiera di Lipari in collaborazione con il Comune di Lipari.

A similitudine di altre realtà isolane della nostra bella Italia, è stata chiusa alla navigazione di qualsiasi tipo di unità navale la famosa Cala Junco dell’isola di Panarea al fine di garantire la libera e sicura fruizione dello specchio acqueo ai bagnanti durante la stagione estiva, secondo quanto previsto dalla vigente Ordinanza di Sicurezza Balneare dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari.

Gli eventuali trasgressori saranno opportunamente sanzionati dall’ Autorità marittima in accordo a quanto previsto dal Codice della Navigazione e dal Codice della Nautica da Diporto.

La Guardia Costiera continua a raccomandare a tutti i diportisti che navigano abitualmente nelle acque dell’arcipelago eoliano il rispetto delle più basilari norme di buona condotta e perizia marinaresca mantenendo le distanze di sicurezza dalla costa per la tutela della balneazione.

 

Lipari- “Con uno straordinario lavoro di squadra abbiamo chiuso la baia di CalaJunco a Panarea, da sempre interdetta ma di fatto nessuno davvero rispetta il divieto. Grazie al Comune di Lipari e al Sindaco Marco Giorgianni, alla Guardia Costiera di Lipari, al Comandante Francesco Principale, al sommozzatore della Protezione Civile Simone Belletti, a Ciccio e alla magnifica assistenza del diving Eolosub, alla Sea Panarea, allo Sfemt Studio, a Jenny & Dereck e alla barca La Nonna.

calajunco

Bravi tutti! A breve metteremo i cartelli con i divieti di interdizione, se in questi giorni vediamo barche attaccarsi al cavo, vi chiediamo di intervenire spiegando loro che non è un cavo per le barche, ma per tutelare i bagnanti all’interno della baia”. Così su fb Federica Tesoriero dell’associazione NoidiPanarea

Share