Tarnav collegamenti veloci

Burocrazia in Sicilia, accordo imprese-enti per semplificazione

Roberto Piemonte ci segnala il seguente articolo de Il Sole 24 Ore

Semplificare e ridurre i tempi di attesa dei procedimenti amministrativi che riguardano le imprese. È uno degli obiettivi del protocollo d’intesa firmato da Regione siciliana (assessorato Attività produttive), Irsap (l’Istituto che si occupa delle aree industriali) e Sicindustria. «Con questo protocollo viene definito un percorso per agevolare investimenti pubblici e privati con il conseguente maggiore reddito sociale, ma soprattutto viene stabilito chi deve fare che cosa ed entro quali tempi con procedure standardizzate – dice il presidente di Sicindustria Giuseppe Catanzaro.

Prassi necessarie per rendere il nostro territorio attrattivo. Procedimenti amministrativi complessi, lunghe attese e difficoltà pesano infatti sulla vita delle imprese in termini di costi e impossibilità di pianificare. Servono regole chiare e tempi certi. Ricordiamoci inoltre che la semplificazione rende più visibile chi preferisce scorciatoie».

Ora tocca ai Comuni farsi avanti e sottoscrivere il protocollo per garantire procedimenti amministrativi più veloci ed efficienti grazie ad una stretta collaborazione fra imprese e pubblica amministrazione. «In Sicilia – dice Mariella Lo Bello, vicepresidente della Regione Siciliana e assessore regionale alle Attività produttive – il fattore tempo ha sempre rappresentato un handicap per la permanenza e la nascita di nuove imprese. Dobbiamo voltare pagina ed è per questo che abbiamo colto favorevolmente la sollecitazione di Sicindustria».Fondamentale il ruolo dell’Irsap: «Questo protocollo – ha spiegato il commissario straordinario Irsap, Maria Grazia Brandara – è a disposizione di tutti i Comuni e nasce con l’impegno di dimezzare i tempi di rilascio delle autorizzazioni, standardizzare la modulistica e, dunque, migliorare la qualità amministrativa; le pastoie delle procedure burocratiche e i tempi lunghi non possono e non devono costituire un ostacolo per le imprese che vogliono fare investimenti».

Share