Tarnav collegamenti veloci

“Athos”  e “Aszkor” : due dei cani Carabinieri al servizio del G7

cani cc

A garantire la sicurezza dei 7 grandi della Terra in occasione del G7, ci penseranno anche due fedeli amici dell’uomo: “ATHOS”  e “ASZKOR” , due cani Carabiniere di razza Pastore Tedesco specializzati nella ricerca di armi e materiale esplodente in forza al Nucleo Cinofili

Carabinieri di Nicolosi.

ATHOS , dal nome di uno de “I TRE MOSCHETTIERI”, è uno splendido esemplare di Pastore Tedesco di 3 anni, dal pelo grigio, che ricorda un lupo  selvatico,  che già dai primi mesi di vita a manifestato quelle doti innate a livello sensoriale e caratteriale  necessarie per diventare un cane “Carabiniere” e far bene il proprio lavoro : doti, che solo il Centro Carabinieri Cinofili di Firenze, grazie ai suoi validi ed esperti selezionatori cinofili, sono stati in grado di capire che nel suo DNA.

In forza al Nucleo cinofili da circa un anno, ATHOS nella seppur breve carriera, si è dimostrato abilissimo per la ricerca di esplosivi insieme al suo inseparabile conduttore, distinguendosi in numerose operazioni di servizio, nel corso delle quali con il suo infallibile fiuto, ha consentito, tra l’altro, il rinvenimento di armi e munizioni abilmente occultate, come avvenuto nel marzo scorso sulle pendici dell’Etna, quando ha  rinvenuto 2 pistole, un fucile e una trentina di munizioni.

cani carabinieri

Insieme al suo collega ASZKOR, il più giovane dei due, Pastore Tedesco di 2 anni, in forza da soli due mesi al Nucleo cinofili, sono ora chiamati a contribuire a garantire la sicurezza dei “grandi della terra” e dei cittadini di Taormina.

ATHOS e ASZKOR, oltre a operare quotidianamente in attività di servizio, partecipano ai programmi sulla  “Legalità” che l’Arma dei Carabinieri conduce con le scuole di ogni ordine e grado anche attraverso dimostrazioni cinofile, sempre apprezzate dai giovani studenti.

ATHOS e ASZKOR  sono solo due dei cani schierati dall’Arma dei Carabinieri nella cornice del G7 di Taormina, che vedrà un impegno massiccio del Servizio Cinofili Carabinieri,  istituito il 9 giugno 1956, al fine di assicurare l’impiego di Carabinieri conduttori e cani in attività di polizia giudiziaria, di ricerca, di soccorso in aree sensibili e in tutte le operazioni in cui tale intervento fosse stato ritenuto di valido supporto.

Un altissimo livello di addestramento caratterizza l’impiego dei Carabinieri conduttori e dei cani, che in circa 50 anni di attività ha registrato innumerevoli, preziosi risultati nel campo della polizia giudiziaria, accanto ai molti episodi di soccorso e di assistenza.
Particolarmente accurata è la scelta e l’ “arruolamento” dei cani, l’addestramento dei quali viene impartito e mantenuto costantemente  sino a quando il cane per “limiti di età” viene trasferito al ruolo “di guardia” e cessa dal servizio, pur rimanendo ovviamente tra i ranghi del Nucleo.

Le condizioni ottimali di salute dei cani, oggetto di costante accertamento sanitario, sono curate attraverso la più razionale alternanza del lavoro e del riposo, la minuziosa igiene del corpo e del ricovero, soprattutto attraverso la loro alimentazione, rigorosamente dosata per tutta la loro vita.

Tra i Nuclei facenti parte del Servizio Cinofili vi è quello di Nicolosi  istituito il 10/04/1997, e costantemente a supporto di tutta l’Arma della Sicilia Orientale .

 

Share