Anche i lidi balneari siciliani potranno pagare le concessioni entro metà settembre

cannetomare(Comunicato F.I.B.A.) Era il 24 aprile del 2014 quando  l’allora Governo Renzi  emanava il Decreto Legge n.66 avente ad oggetto “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale”.  Detto Decreto, convertito poi in Legge n.89 del 23 giugno 2014,  all’articolo 12 dispone che: “I canoni delle concessioni demaniali marittime dovuti a partire dall’anno 2014 sono versati entro la data del 15 settembre di ciascun anno”.

Tale norma , frutto di una lunga e proficua interlocuzione tra la categoria dei Balneari  ed il Governo nazionale, mira ad abbattere l’indebitamento preventivo ed il conseguente ricorso al credito degli operatori economici stagionali, posticipando il pagamento degli oneri imposti  a stagione balneare già avviata.

Un provvedimento che ha dato ossigeno a 7.000 imprese italiane ed ha consentito di sbloccare decine di milioni di euro da investire per l’ammodernamento degli stabilimenti.

Purtroppo, per quattro lunghi anni i concessionari siciliani sono stati esclusi dai benefici di questa legge. La fiera eolian village completoFederazione delle Imprese Balneari di Messina, per prima nel luglio del 2014,  sollevò il tema della grave discriminazione che colpiva le imprese della nostra Isola, rivendicando presso il Governo regionale l’immediata applicazione del decreto. In quell’occasione ed in altre successive, l’amministrazione regionale si trincerò dietro la “specialità” dello Statuto Regionale, ancora una volta brandito dalla burocrazia per penalizzare i cittadini e le imprese e non per favorire opportunità di sviluppo per la Sicilia.

Finalmente, un emendamento alla legge di Stabilità Regionale proposto dall’Assessore Regionale al Territorio, Totò Cordaro, sana la macroscopica disparità di trattamento e restituisce competitività e risorse alle 600 imprese balneari siciliane.

La F.I.BA di Messina, nell’esprimere il proprio compiacimento per il traguardo raggiunto a tutela degli interessi della categoria, invita le imprese messinesi che operano nel settore della balneazione ad approfittare della disposizione normativa utilizzando le risorse finanziarie rese  disponibili per investire nell’ammodernamento delle attrezzature e nell’implementazione dei servizi erogati.

ALLE EOLIE CON

tarnav 2018 15%

 

 

 

 

liberty ban

 

 

 

caronte-new

 

Share