Tarnav collegamenti veloci

Allarme Enac : troppi turisti negli aeroporti del sud

l'aeroporto di Lamezia

l’aeroporto di Lamezia. Dalla vicina Vibo si possono raggiungere in aliscafo le Eolie

corriere.it – L’«ondata» di turisti attesa per l’estate al Centro-Sud non ha soltanto effetti positivi (per l’economia del territorio). Alcuni aeroporti potrebbero non essere in grado di affrontare l’aumento del traffico. A lanciare l’allarme è Vito Riggio, presidente dell’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile): «Ieri abbiamo avuto un incontro con i gestori aeroportuali di Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna e, se per Napoli abbiamo trovato una situazione positiva, considerato che hanno un aeroporto che può essere assunto come esempio per tutti gli scali aeroportuali del Sud, per gli aeroporti calabresi e siciliani, invece, siamo molto preoccupati: sia a Lamezia Terme che a Catania si sta assistendo a una esplosione di traffico, ma gli scali sono in ritardo nei lavori di adeguamento delle infrastrutture».

L’incremento di traffico in Puglia e Sardegna
«Questa estate — aggiunge Riggio — ci aspettiamo un forte aumento del traffico aereo, una vera e propria ondata di turisti soprattutto nel Centro-Sud. Per quanto riguarda Roma — spiega il presidente dell’Enac — abbiamo incontrato il consiglio di amministrazione e l’aeroporto è prontissimo». E problemi sono esclusi anche in Puglia e Sardegna, che già a giugno hanno evidenziato significativi incrementi di traffico. L’aeroporto Karol Wojtyla di Bari, in particolare, nel mese di giugno 2017 ha registrato un totale di 436.453 passeggeri, in crescita del 9,8% rispetto alle 397.513 unità dello stesso mese del 2016. In crescita, soprattutto, il traffico internazionale: +19,3% (165.731 a giugno 2017 contro i 138.925 dello scorso anno) a fronte del 2,9% dei passeggeri di linea nazionale, passati dai 251.733 del 2016 ai 259.107 di quest’anno. Il consuntivo del 1° semestre dell’aeroporto di Bari si attesta a 2.129.961 passeggeri, il +7,5% rispetto all’analogo periodo 2016. Il totale del traffico di linea è stato di 2.094.222 passeggeri (+7,2%), dei quali 1.370.400 (+2,3%) di linea nazionale e 723.822 (+17,8%) di linea internazionale. Positivi anche i dati dell’aeroporto del Salento di Brindisi che ha registrato un incremento del 4,85%, passando dai 231.706 passeggeri di giugno 2016 ai 242.937 del mese scorso. Di questi 232.564 sono stati i passeggeri di linea (+4,5%) e 10.080 (+12,9%) quelli riferiti a voli charter. L’ulteriore dettaglio del traffico di linea evidenzia che i passeggeri di linea nazionale sono stati 173.399 (+0,5%) e 59.165 quelli di linea internazionale, pari al +18,7% rispetto ai 49.853 passeggeri dello stesso mese dello scorso anno. Traffico in crescita anche nell’aeroporto di Cagliari: + 12% nei primi sei mesi dell’anno. Tra arrivi e partenze, dal primo gennaio al 30 giugno i passeggeri sono stati 1.751.536, 185.924 in più rispetto al primo semestre 2016. In evidenza sopratutto l’incremento semestrale dei passeggeri trasportati su voli internazionali: +33% rispetto al 2016, per un totale di 311.424 unità

Share