Al via l’operazione ” bonus acqua”, domande di agevolazione ai comuni

Roberto Piemonte ci segnala il seguente articolo de Il Sole 24 ore

Da ieri è possibile accogliere le domande di agevolazione della tariffa del servizio di acquedotto. Lo ricorda l’Anci ai comuni precisando che la «la gestione dell’iter di ammissione viene effettuata tramite il sistema SGAte, così come per il Bonus elettrico e Gas, il quale è stato adeguato al fine di consentire anche l’inserimento delle richieste di ammissione al bonus acqua».

Cosa è il bonus acqua
Si tratta di una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto delle famiglie in condizione di disagio economico e sociale. E’ stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell’articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all’anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Chi ne ha diritto
Hanno diritto ad ottenere il bonus acqua gli utenti diretti ed indiretti del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale, cioè che sono parte di nuclei familiari:

•con indicatore Isee non superiore a 8.107,5 euro;

•con indicatore Isee non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico.

Share