Al centro studi si ricorda la missione del “Magenta” con 11 eoliani a bordo

28 marzo 2018 ore 18,30 al Centro Studi

28 marzo 1868 – 28 marzo 2018, 150 anni dopo – “Il ritorno della Magenta”

magentaLa Regia Pirocorvetta “Magenta” con un equipaggio di 297 persone, fra i quali 11 eoliani, al comando dell’ammiraglio savoiardo Arminjon, compi la prima circumnavigazione del globo per una nave militare del Regno d’Italia tra il 1866 ed il 1868. Prese il mare il 2 febbraio 1866 da Montevideo, diretta all’isola di Giava.

La nave proseguì verso Giappone e Cina, dove furono stipulati importanti trattati commerciali; quindi toccò GIORNALE DI LIPARI - marzo 2018 - 15%l’Australia, attraversò il Pacifico, attraccò a Callao in Perù, proseguì lungo il Cile e la Patagonia, fino a passare lo stretto di Magellano, per ritornare a Montevideo nel dicembre del 1867 e definitivamente a Napoli il 28 marzo 1868. Si trattò di un’impresa che raggiunse risultati più che ragguardevoli, nonostante le numerose circostanze sfavorevoli, la morte del senatore De Filippi, e quella di numerosi marinai, e non ultima la guerra del 1866.

La Magenta nel porto di Napoi

La Magenta nel porto di Napoli

La missione fu infatti condotta brillantemente sia nei suoi obiettivi diplomatici che in quelli scientifici. Oltre alle numerose osservazioni sulla fauna pelagica, la Magenta riportò importanti raccolte etnologiche, paleontologiche e mineralogiche e riportò 5.986 spoglie di animali appartenenti ad oltre 2.000 specie, che andarono a costituire le collezioni più importanti del Museo di Scienze Naturali di Torino e del Museo Zoologico “La Specola” di Firenze.

A distanza di 150 anni dal ritorno in Patria vogliamo ricordare la missione della Pirocorvetta Magenta ed onorare gli undici membri eoliani dell’equipaggio.

Parteciperanno alla conferenza, il dott. Giuseppe La Greca, storico del Centro Studi, l’Ammiraglio eoliano Antonino Natoli, il Vice sindaco del Comune di Lipari, Avv. Gaetano Orto, il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo TV Paolo Margadonna.

Vi aspettiamo

Share