” A Madonna a Catina ! “

Di Giovanni Giardina

giardina premiazioneCanzone composta in seguito ad una visita fatta nel periodo invernale al santuario di Chiesa Vecchia a Quattropani; essendo chiuso si poteva scorgere l’immagine della Madonna, solo attraverso l’inferriata di una finestrella illuminata da un raggio di sole che penetrava all’interno. Nel 1984, il dott. Mariano Sparacino, in quel periodo Presidente del Folk Arte Eolie, mi ha voluto premiare per il migliore soggetto inedito consegnandomi una piccola targa ricordo .

A Madonna a Catina !

Suli d’Austu, friddu d’inviernu, rosi di Maggiu, spini d’amuri !

A prima vota ca Ti visti sula

‘nta la to casiscedda scura scura

cu dda catina e piedi e ddu serpenti,

chi fa paura a tanta mala genti !

Suli d’Austu, friddu d’inviernu, rosi di Maggiu, spini d’amuri !

Uardà va dda so Mamma ca Criatura

ca si la prutiggìa da paura,

nu raggiu ci trasìa sulamenti,

pi teniri luntànu ddu serpenti !

Suli d’Austu, friddu d’inviernu, rosi di Maggiu, spini d’amuri !

‘Nte piedi na catina di tant’anni

ssu pisu puorti pi li pieni e affanni,

oggi unna Madonna da Catina ,

iò iu pi livàrici na spina !

Sulu d’Austu, friddu d’inviernu, rosi di Maggiu, spini d’amuri !

 

Share